Nemici. Di chi?

Premetto che non sono tra i nove milioni di italiani che hanno passato la serata di giovedì ad assistere alle schermaglie tra Santoro, Travaglio e Berlusconi. Ho recuperato alcune parti salienti il giorno dopo, e ho letto e sentito un bel po’ di commenti.
Ne ho tratto un’idea: quella della sfida con vincitori e sconfitti, qualunque sia la valutazione su chi stia da una parte o dall’altra, è solo la superficie. Tutti i contendenti avevano già vinto nel momento in cui sono riusciti a mettere insieme questo set, e a conquistare il centro dell’attenzione dei media e degli elettori. Perché a essere davvero messa in discussione, in questi ultimi mesi, è stata la struttura dell’offerta politica italiana, la sua logica di fondo: ogni elezione è stata, negli ultimi vent’anni, un referendum pro o contro Berlusconi.
Questa volta le cose sarebbero potute essere diverse.
E invece, la puntata di Servizio Pubblico ha messo in scena il copione e lo ha reso, di nuovo, credibile. Fatto questo, l’obiettivo era già raggiunto.
C’è un’intera classe dirigente che ha sempre prosperato su questo copione, e che non vuole (probabilmente non sa) recitarne un altro. E un’intera frotta di giornalisti. Sono loro i vincitori. Gli sconfitti sono quelli che credono che la politica possa essere uno scontro duro ma leale tra modi diversi di vedere le cose, tra programmi fatti di soluzioni e non di proclami. Almeno un po’.

3 commenti
  1. Giuditta Labate dice:

    Caro Luca,
    io penso che in merito a l’ennesimo perogramma politico dove Berlusconi è presente ,si sia persa ancora l’occasione di capire quali sono i programmi e le idee per migliorare e rendere finalmente più produttiva e vincente la nostra tanto bistrattata Italia…anche se a parer mio ha stravinto Silvio!

  2. Roberto dice:

    Tante persone si sono stancate di coach e formatori che con astuzia dispensano consigli e trovano sempre il modo di farti sentire inadeguato.
    Smettiamola di speculare sulla pelle dela gente per vendere consulenza, corsi e libri.
    Ha ragione quello che dice vendete aria fritta, il mondo è altro fra essere ricco con pochi amici e povero ma leader provate a chiedere alle persone chi vorrebbero essere.
    Vale anche per Lei Baiguini.

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.