Articoli

Venti modi per distruggere la propria carriera

Steve Tobak, sul suo blog per bNet, lancia una provocazione che parte da un presupposto: la distruzione di una carriera promettente non deriva mai da fattori esterni. Sono i comportamenti dei manager a determinare la velocità e la direzione della loro carriera.
Per questo, nessuna scusante, ma piuttosto una serie di comportamenti da adottare ed altrettanti da evitare.
E Tobak si concentra su quelli da evitare.

Continua a leggere

MBA or not MBA?

Su Ticonzero, una ricerca condotta da Fabrizio Gerli sull’impatto di un MBA su carriera e compensation.

Pur con i limiti (evidenziati anche dall’autore) di una ricerca condotta su un campione limitato e per un periodo di tempo non lunghissimo, alcune conclusioni mi sembrano interessanti.

Continua a leggere

Leader senza scrupoli

Su Job24 (Il Sole 24 ore) di oggi, un’intervista a Pier Luigi Celli circa il suo ultimo libro: Comandare è fottere.
Ecco come riassume il suo pamphlet:

    In soldoni è un po’ un’avvertenza per le nuove generazioni. Guardiamoci negli occhi. Nella maggior parte dei casi, “fare carriera” vuol dire travolgere gli altri e non curarsi di loro. Bisogna stare attenti a voler fare carriera a tutti i costi, pagando prezzi molto elevati. Rischi di arrivare a fare un esame di coscienza, un punto della situazione dove capisci che, a forza di fregare gli altri, ti sei rovinato con le tue stesse mani. Qualche volta bisognerebbe avere il coraggio di fare ammenda…

Continua a leggere