La Grande Muraglia

Mi piace Baricco. L’ho già scritto altre volte.
Ho letto “I Barbari“: interessante.
Un passaggio mi ha ricordato un post di qualche tempo fa, in cui ho citato un altro dei suoi libri.
Eccolo:

Lo voglio dire nel modo più semplice. Qualsiasi cosa stia accadendo, quando abbiamo percepito la spina nel fianco di una qualche razzìa, la mossa che abbiamo scelto di fare è stata alzare una Grande Muraglia. Apparentemente lo abbiamo fatto per difenderci. E siamo tuttora convinti in buona fede che sia per quello. E celebriamo il domestico eroismo di chi la difende ogni giorno, e di chi la costruisce, ottusamente, per migliaia di chilometri. Neanche la constatazione, facile, che quel muro non ha minimamente ridotto le razzìe, ci fa cambiare idea. Continuiamo a perdere pezzi, eppure il grottesco spettacolo di eleganti ingegneri affaticati dietro alla costruizione del muro continua a sembrarci lodevole. Ma la verità è che non stiamo difendendo un confine: lo stiamo inventando. Ci serve quel muro, ma non per tenere lontano quel che ci fa paura: per dargli un nome. Dove c’è quel muro, noi abbiamo una geografia che conosciamo, l’unica: noi di qua, e di là i barbari. Questa è una situazione che conosciamo. E’ una battaglia che sappiamo combattere. Al limite possiamo perderla, ma sapremo che abbiamo combattuto dalla parte giusta. Al limite possiamo perdere, ma non possiamo perderci. E allora avanti con la Grande Muraglia.

Sarà soltanto un’impressione, ma da qualche tempo mi pare di incontrare un sacco di confini inventati, difesi da eleganti, solide, fidate Grandi Muraglie che servono soltanto a farci sapere che stiamo combattendo dalla parte giusta.

Vita Eterna

thefactandthebook.gif

In "The fact & the book", semplicemente, vengono accostati un fatto ed un libro. O, almeno, alcune righe di un libro. Per stimolare la riflessione e, per chi lo desidera, il dibattito. Potete commentare, oppure aggiungere altri fatti a questo libro, o altri libri a questo fatto…

 

The fact
Aubrey de Grey, biogerontologo dell’Università di Cambridge, è convinto che i progressi scientifici dei prossimi 25 anni porteranno l’uomo sulla soglia dell’immortalità. L’organismo umano potrà vivere per centinaia, forse migliaia di anni.
Quella che fino ad oggi è stata un’apparizione fugace sul palcoscenico della vita, può divenire un insediamento a oltranza, potenzialmente infinito.
L’estrema conseguenza di questa teoria è l’immortalità.
Perché, sostiene de Grey, l’invecchiamento è “qualcosa che abbiamo bisogno di fermare”.

The book
“Ci è venuta voglia di passare la serata e la notte in un castello. In Francia molti sono stati trasformati in alberghi: un fazzoletto di verde sperduto in una distesa di squallore senza verde; un quadratino di viali, alberi, uccelli al centro di un’immensa rete di strade. Sono al volante e osservo nello specchietto retrovisore una macchina dietro di me. La freccia di sinistra lampeggia e tutta la macchina emette onde di impazienza. Il guidatore aspetta il momento giusto per superarmi: come un rapace che fa la posta a un passero.
Mia moglie Vera mi dice: «Sulle strade francesi ogni cinquanta minuti muore un uomo. Guardali, tutti questi pazzi che corrono accanto a noi. Sono gli stessi che sanno essere così straordinariamente prudenti quando sotto i loro occhi viene scippata una vecchietta. Com’è possibile che quando guidano non abbiano paura?»
Che cosa rispondere? Questo, forse: che l’uomo curvo sulla sua motocicletta è tutto concentrato sull’attimo presente del suo volo; egli si aggrappa a un frammento di tempo scisso dal passato come dal futuro; si è sottratto alla continuità del tempo; è fuori del tempo – in altre parole, è in uno stato di estasi: in tale stato non sa niente né della sua età, né di sua moglie, né dei suoi figli, né dei suoi guai, e di conseguenza non ha paura, poiché l’origine della paura è nel futuro, e chi si è affrancato dal futuro non ha più nulla da temere”.

Incipit di
La lentezza
di Milan Kundera
Adelphi, 1995

Leggenda metropolitana…

 

thefactandthebook.gif

In "The fact & the book", semplicemente, vengono accostati un fatto ed un libro. O, almeno, alcune righe di un libro. Per stimolare la riflessione e, per chi lo desidera, il dibattito. Potete commentare, oppure aggiungere altri fatti a questo libro, o altri libri a questo fatto…

The fact
Interno sera, cena tra amici e parenti. Qualcuno mi racconta la storia di una bambina, una mamma, un supermarket e delle zingare. Le ultime, dentro al penultimo, hanno cercato di rapire la prima approfittando di un attimo di distrazione della seconda. È successo ad un loro lontano parente due settimane or sono. Pochi secondi e la bambina era in bagno con le zingare, già rasata, cambiata, truccata e pronta per essere portata via. Per fortuna arrivano i nostri, chiudono tutte le uscite del supermarket e salvano la bambina.
Loro (chi me lo racconta) credono che sia vero.
Non lo è.
Si tratta di una leggenda metropolitana, che circola periodicamente su e giù per l’Europa e che, sembra, viene dagli Stati Uniti.

The book
“Sempre così affannati, e con lunghi arti che spesso agitano. E come sono poco rotondi, senza la maestosità delle forme compiute e sufficienti, ma con una piccola testa mobile nella quale pare si concentri tutta la loro strana vita. Arrivano scivolando sul mare, ma non nuotando, quasi fossero uccelli, e danno la morte con facilità e graziosa ferocia. Stanno a lungo in silenzio, ma poi tra loro gridano con furia improvvisa, con un groviglio di suoni che quasi non varia e ai quali manca la perfezione dei nostri suoni essenziali: richiamo, amore, pianto di lutto. E come dev’essere penoso il loro amarsi: e ispido, quasi brusco, immediato, senza una soffice coltre di grasso, favorito dalla loro natura filiforme che non prevede l’eroica difficoltà dell’unione né i magnifici e teneri sforzi per conseguirla.
Non amano l’acqua, e la temono, e non si capisce perché la frequentino. Anche loro vanno a branchi, ma non portano femmine, e si indovina che esse stanno altrove, ma sono sempre invisibili. A volte cantano, ma solo per sé, e il loro canto non è un richiamo ma una forma di struggente lamento. Si stancano presto, e quando cala la sera si distendono sulle piccole isole che li conducono e forse si addormentano o guardano la luna. Scivolano via in silenzio e si capisce che sono tristi”.

Una balena vede gli uomini
Tratto da “Donna di Porto Pim
di Antonio Tabucchi
Sellerio editore, 1983

Gabo… per iniziare.

Ci sono (forse) molti modi per aprire un blog.
Il mio è questo:

"La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla".

Gabriel Garcia Marquez

gabo.jpg

 

Benvenuti….

 

[Autografo di Marquez: http://www.purplehousepress.com]