Procrastinazione

Al termine dell’ultima lezione che ho tenuto all’Executive MBA del MIP (si parlava di Time Management e dell’impatto della comunicazione circa il tempo sulle dinamiche di gruppo), mi sono trattenuto con alcuni partecipanti che mi hanno fatto alcune domande sulla tendenza a procrastinare (a rimandare continuamente l’esecuzione di compiti).

Tra i blog di Psychology Today, ce n’è uno, tenuto da Timothy A. Pychyl, specificamente dedicato a questo argomento.

Lo stesso autore indica i sei passi per vincere la tendenza a procrastinare:

  1. Essere semplicemente onesti con se stessi è già una gran cosa.
    Se stai controllando le e-mail invece di svolgere il lavoro che dovresti, non cercare rifugio in razionalizzazioni del tipo “Beh, mi porterà via soltanto un minuto”.
  2. Sfida te stesso a svolgere un’attività per i prossimi 15 minuti. Probabilmente così vincerai le resistenze. Una volta iniziato, spesso ci si chiede “Ma perché lo avrei dovuto rimandare?”
  3. Un consiglio per coloro che si lasciano facilmente distrarre, sono impulsivi o cercano gratificazioni immediate: chiudi e-mail, instant messengers e stacca il telefono. Non aprire un sito di social networking. Sfidati a rimandare a tra due ore tutte queste attività.
  4. La mancanza di costanza, meticolosità o organizzazione rendono necessario lo spezzettare le attività, e finire un pezzo per volta.
  5. Ascolta quello che gli psicologi chiamano “dialogo interno”: ciò che tu dici a te stesso. Spesso le persone sono paralizzate dal dubbio di non riuscire a soddisfare le aspettative altrui. E’ allora necessario dire a se stessi: “Non è la fine del mondo. Questo è solo il mio modo di reagire emotivamente”. Ammetterlo è meglio che abbandonare l’attività per paura.
  6. Pratica la meditazione ed il controllo della respirazione. Un recente studio di Ari Rotblatt della Carleton University conferma che questa semplice pratica consente di accrescere la capacità di concentrazione.

Il tema mi pare davvero interessante. Credo ci tornerò presto.
Se avete esperienze, teorie, trucchi… sono i benvenuti.

 

P.S.
Naturalmente, avrei voluto scrivere questo post alcuni giorni or sono, appena terminata la lezione. Ma, sai com’è…

 

Update – Sono tornato sul tema in questo post:
Procrastinazione e perfezionismo

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi